Kubernetes v1.13 documentation is no longer actively maintained. The version you are currently viewing is a static snapshot. For up-to-date documentation, see the latest version.

Edit This Page

Che cos'è Kubernetes?

Questa pagina è una panoramica di Kubernetes

Kubernetes è una piattaforma open source portatile ed estensibile per la gestione di carichi di lavoro e servizi containerizzati, che facilita sia la configurazione dichiarativa che l’automazione. Ha un grande ecosistema in rapida crescita. I servizi, il supporto e gli strumenti di Kubernetes sono ampiamente disponibili.

Google ha aperto il progetto Kubernetes nel 2014. Kubernetes si basa su un decennio e mezzo di esperienza che Google ha con l’esecuzione di carichi di lavoro di produzione su larga scala, combined with combinati con le migliori idee e pratiche della community.

Perché ho bisogno di Kubernetes e cosa può fare?

Kubernetes ha differenti funzionalità. Può essere pensato come:

Kubernetes fornisce un ambiente di gestione incentrato sui contenitori. Organizza l’infrastruttura di elaborazione, di rete e di archiviazione per conto dei carichi di lavoro degli utenti. Ciò fornisce gran parte della semplicità di Platform as a Service (PaaS) con la flessibilità di Infrastructure as a Service (IaaS) e consente la portabilità tra i fornitori di infrastrutture.

In che modo Kubernetes è una piattaforma?

Anche se Kubernetes offre molte funzionalità, ci sono sempre nuovi scenari che trarrebbero vantaggio dalle nuove funzionalità. I flussi di lavoro specifici delle applicazioni possono essere ottimizzati per accelerare la velocità degli sviluppatori. L’orchestrazione ad hoc che è accettabile inizialmente richiede spesso una robusta automazione su larga scala. Questo è il motivo per cui Kubernetes è stato anche progettato per fungere da piattaforma per la creazione di un ecosistema di componenti e strumenti per semplificare l’implementazione, la scalabilità e la gestione delle applicazioni.

Le etichettelabels Labels consentono agli utenti di organizzare le proprie risorse, a loro piacimento. Le annotazioni Annotations consentono agli utenti di decorare le risorse con informazioni personalizzate per facilitare i loro flussi di lavoro e fornire un modo semplice per gli strumenti di gestione allo stato di checkpoint.

Inoltre, il piano dicontrollo di Kubernetes è basato sulle stesse API APIs disponibili per sviluppatori e utenti. Gli utenti possono scrivere i propri controllori, come ad esempio schedulers,con le proprieAPI che possono essere targetizzate da uno strumento da riga di comando generico. command-line tool.

Questo design ha permesso a un certo numero di altri sistemi di costruire su Kubernetes.

Cosa non è Kubernetes

Kubernetes non è un sistema PaaS (Platform as a Service) tradizionale e onnicomprensivo. Poiché Kubernetes opera a livello di contenitore anziché a livello di hardware, fornisce alcune caratteristiche generalmente applicabili comuni alle offerte di PaaS, quali distribuzione, ridimensionamento, bilanciamento del carico, registrazione e monitoraggio. Tuttavia, Kubernetes non è monolitico e queste soluzioni predefinite sono opzionali e collegabili. Kubernetes fornisce gli elementi costitutivi per le piattaforme di sviluppo degli sviluppatori, ma conserva la scelta dell’utente e la flessibilità laddove è importante.

Kubernetes:

Inoltre, Kubernetes non è un semplice sistema di orchestrazione. In realtà, elimina la necessità di orchestrazione. La definizione tecnica di orchestrazione è l’esecuzione di un flusso di lavoro definito: prima fare A, poi B, poi C. Al contrario, Kubernetes comprende un insieme di processi di controllo componibili indipendenti che guidano continuamente lo stato corrente verso lo stato desiderato fornito. Non dovrebbe importare come si ottiene da A a C. Il controllo centralizzato non è richiesto. Ciò si traduce in un sistema che è più facile da usare e più potente, robusto, resiliente ed estensibile.

Perché containers?

Cerchi dei motivi per i quali dovresti usare i containers?

Perche' Containers?

Il vecchio modo di distribuire le applicazioni era installare le applicazioni su un host usando il gestore di pacchetti del sistema operativo. Ciò ha avuto lo svantaggio di impigliare gli eseguibili, la configurazione, le librerie e i cicli di vita delle applicazioni tra loro e con il sistema operativo host. Si potrebbero costruire immagini di macchine virtuali immutabili al fine di ottenere prevedibili rollout e rollback, ma le VM sono pesanti e non portatili.

La nuova strada consiste nel distribuire contenitori basati sulla virtualizzazione a livello di sistema operativo piuttosto che sulla virtualizzazione dell’hardware. Questi contenitori sono isolati l’uno dall’altro e dall’host: hanno i loro filesystem, non possono vedere i processi degli altri e il loro utilizzo delle risorse di calcolo può essere limitato. Sono più facili da costruire rispetto alle macchine virtuali e, poiché sono disaccoppiati dall’infrastruttura sottostante e dal file system host, sono portatili attraverso cloud e distribuzioni del sistema operativo.

Poiché i contenitori sono piccoli e veloci, è possibile imballare un’applicazione in ogni immagine del contenitore. Questa relazione one-to-one tra applicazione e immagine sblocca tutti i vantaggi dei contenitori. Con i container, è possibile creare immagini di container immutabili al momento della compilazione / del rilascio piuttosto che del tempo di implementazione, poiché ogni applicazione non deve necessariamente essere composta con il resto dello stack di applicazioni, né essere sposata con l’ambiente dell’infrastruttura di produzione. La generazione di immagini del contenitore durante il tempo di generazione / rilascio consente di trasferire un ambiente coerente dallo sviluppo alla produzione. Allo stesso modo, i contenitori sono molto più trasparenti delle macchine virtuali, il che facilita il monitoraggio e la gestione. Ciò è particolarmente vero quando i cicli di vita dei processi dei contenitori vengono gestiti dall’infrastruttura anziché nascosti da un supervisore del processo all’interno del contenitore. Infine, con una singola applicazione per contenitore, la gestione dei contenitori equivale alla gestione della distribuzione dell’applicazione.

Riepilogo dei vantaggi del contenitore:

Cosa significa Kubernetes? K8S?

Il nome Kubernetes deriva dal greco, che significa timoniere o pilota, ed è la radice del governatore e del cibernetico. K8s è un’abbreviazione derivata sostituendo le 8 lettere “ubernete” con “8”.

What's next

Feedback